missionealbania

Home » Uncategorized

Category Archives: Uncategorized

30 luglio: Attività con i giovani a Mabë

Carissimi,
Vi scrivo dalla quarantena. Sono in Italia, a Pescara, in casa! Ho fatto il test sierologico e domani dovrò fare il tampone. In Albania i casi stanno aumentando anche se lentamente, ma i controlli sono pochi.

Come vi avevo accennato nell’ultimo articolo del blog, di ritorno dalla missione in montagna, da martedì 14 a domenica 19 abbiamo organizzato in parrocchia un Grest sulla figura biblica di Davide per i ragazzi dei nostri villaggi dalla 1 elementare al 1 superiore!

31 lug 04

 

Sono stati una cinquantina i ragazzi di Mabë e Dragushë che hanno partecipato (tanti, non ce lo aspettavamo) e una decina i giovani che, insieme con noi, hanno reso possibile le attività, tutti i giorni dalle 16:30 alle 19:30.
Io mi sono occupato di andare a prendere e riportare i ragazzi che abitano più lontano e di organizzare la merenda!

This slideshow requires JavaScript.

This slideshow requires JavaScript.

 

I giovani sono stati proprio bravi. Alcuni hanno avuto la responsabilità dei 6 gruppetti in cui abbiamo diviso i ragazzi (Tiziana si è press cura dei piccoli), altri di occuparsi dell’organizzazione dei giochi insieme con Goffredo. Palma ha fatto le catechesi e supervisionato!

31 lug 06

Abbiamo concluso il Grest domenica con la celebrazione pomeridiana della
Messa, una foto conclusiva e una cena all’aperto con i giovani con carne di maiale alla brace (zgare) com’è di tradizione in Albania!

Lunedì 20 luglio ho celebrato il primo matrimonio dell’anno. I ragazzi hanno voluto sposarsi a Scutari in Cattedrale. Eravamo 5 adulti e 3 bambini! Questo il regalo per me…

Io resterò in Italia un mesetto. Due settimane in isolamento e due “a spasso”!!!
Dovrei rientrare in Albania intorno al 20 agosto… Speriamo di vederci!

Un abbraccio a tutti.

15 luglio 2020: La settimana della missione nei villaggi in montagna

Carissimi,
vi scrivo di rientro dalla settimana trascorsa tra i villaggi di montagna nel nord est dell’Albania, ai confini con il Kosovo.
Tutti gli anni la diocesi di Sapa organizza 3 settimane di animazione nei villaggi più lontani e isolati che non hanno il sacerdote.

15 lug 06Noi siamo potuti andare solo dal 5 al 12 luglio. Di Mabë eravamo in 11. Io, Goffredo, Tiziana, Palma e 7 giovani! In tutto in casa eravamo 26: tre sacerdoti, nove suore e 15 laici. Ogni mattina, dopo la Messa e la colazione, divisi in gruppetti giravamo i villaggi per incontrare le famiglie, per fare catechesi in preparazione ai sacramenti e per organizzare attività con i bimbi…

Mi colpisce molto la preoccupazione della chiesa albanese di regolarizzare i sacramenti. Sia la suora che l’assistente pastorale che mi hanno accompagnato nelle case insistevano proprio tanto nel chiedere che tutti ricevessero i sacramenti!

This slideshow requires JavaScript.

Quest’anno ho visitato tre villaggi vicino al lago: Curray, Shen Gjergj e Markaj! In media una decina le famiglie che vivono in estate in questi villaggi, ma essendo le case molto distanti l’una dall’altra ci vuole molto tempo. Riuscivamo a farne non più di 8/9 ogni giorno… I posti sono bellissimi, incantevoli, ma le case sono spesso lontane dalla strada asfaltata (anche un paio di ore) e lontanissime dai centri abitati più grandi. La vita non dev’essere affatto semplice.

 

Nel fine settimana ho celebrato diverse Messe. Sabato mattina siamo andati con tutti i giovani a celebrare a Apirre Gurit, un villaggio di 16 famiglie aldilà del fiume. Per arrivare abbiamo dovuto prendere la barca!!! Bellissimo… Abbiamo pensato tutti alla Contea degli Hobbit!

Per i ragazzi è un’esperienza bellissima. E difatti sono loro ogni anno a chiederci di venire. La vivono veramente in modo bello, con partecipazione, con entusiasmo.
Sicuramente a livello pastorale invece ci sarebbero tante domande da farsi e a cui rispondere, ma ho sempre più l’impressione che preferiamo non farle!

15 lug 02

Lunedì è stato il mio compleanno, ma non ho foto della festa!!! 🤷
Questa settimana invece, da martedì a domenica abbiamo fatto il Grest con i bimbi, ma ve lo racconterò tra qualche giorno!

Probabilmente in settimana riuscirò a ritornare in Italia, ma dovrò fare 14 giorni di isolamento volontario. Continueremo a sentirci via social almeno per queste prime due settimane… 👍

Un abbraccio da tutti noi da Mabë!

PS. Si, è vero, qui il virus e come se non ci fosse mai stato… 🤷

 

5 luglio 2020: Ripartiamo con le attività

Mabë, 5 luglio 2020

Carissimi, sono trascorse già altre due settimane.
Come in Italia, anche qui i contagi sono leggermente aumentati a causa di alcuni focolai, ma i numeri sono sempre molto bassi.
L’Europa ha comunque escluso l’Albania dall’elenco dei paesi terzi riaperti a luglio!

In parrocchia stiamo lentamente ricominciando le attività. Venerdì scorso abbiamo portato i ragazzi adolescenti a trascorrere una giornata diversa in Kosovo! Abbiamo visitato il monastero ortodosso di Deqan, veramente bellissimo!

5 luglio 03

Qui in diocesi dal 1 luglio è iniziata la consueta missione estiva nei villaggi in montagna ai confini con il Kosovo.
Io questa settimana sono rimasto a Mabë per sostituire il parroco vicino per le Messe e i funerali. Oggi pomeriggio, dopo aver celebrato le Messe festive, li raggiungo insieme ad un gruppo di ragazzi della parrocchia. Resteremo una settimana, fino a domenica prossima. Ci vogliono quasi 4 ore di macchina. Sono strade di montagna, asfaltate, ma strette e piene di curve.
Vi racconterò la prossima settimana!

Un abbraccio a tutti…

18 giugno 2020: Aggiornamenti da Mabë

Carissimi,
Vi scrivo meno frequentemente perché ci sono meno novità. Durante il lockdown ho provato ad aggiornare il blog settimanalmente perché tanti ci chiedevano come stavamo.😉

In questo periodo abbiamo ancora tanto tempo a disposizione anche se abbiamo ricominciato un po’ tutto tranne il catechismo dei bambini e dei ragazzi. Questo mi fa riflettere molto. Significa che alla fine è la dimensione della pastorale parrocchiale che ci prende più tempo. E non è il massimo!🙄

Attualmente Goffredo incontra gli adolescenti (16/17 anni) tre volte a settimana (il martedì e il giovedì per giocare a pallavolo e il sabato per l’incontro di catechesi) mentre i giovani (18/28 anni) la domenica pomeriggio!

Giocare a pallavolo in Albania piace tantissimo, ma in realtà Goffredo lo ha pensato anche per dare la possibilità alle ragazze di uscire di casa, cosa che non è scontata per una ragazza albanese.
Più passa il tempo più mi accorgo che l’Albania pur essendo molto vicina, ha una storia e una cultura diversissime. La terra, il clima, le verdure e la frutta sono gli stessi, ma le abitudini e le tradizioni sono diversissime.😲

Incontro famiglie

Ogni due settimane la domenica incontriamo anche un gruppetto di famiglie (4) per un momento di preghiera e di condivisione sul Vangelo della domenica.

Tiziana ha ripreso ad andare ad aiutare il mercoledì alla Casa della Carità!

La settimana scorsa con alcuni ragazzi grandi siamo stati a Tirana a trovare Armando, un ragazzo di Mabë, responsabile dei ministranti, che lavora a Tirana in un call center e che da un paio di mesi non riesce a tornare a casa.


Da loro ho saputo, in macchina al ritorno, che tre famiglie della parrocchia hanno vinto qualche giorno fa la lotteria americana (la green card) e che quindi andranno via presto, il tempo di preparare i documenti!!! 🙄

In compenso sono ricominciati gli incontri nazionali e diocesani. A livello nazionale siamo stati convocati due volte, sempre a Scutari, la prima volta per parlare di pedofilia, la seconda oggi per riflettere sul tipo di chiesa che vogliamo dopo il Covid!

A livello diocesano ci siamo incontrati per l’anniversario della morte del vescovo Luciano e per programmare le attività estive. Si è pensato di fare la missione estiva in montagna le prime due settimane di luglio e poi un po’ di Grest in parrocchia, sempre se le condizioni lo consentono.

Domenica scorsa a Messa sono venute a trovarci due suore di Ravasco che vivono a Scutari. Una messicana che viene da Collecorvino (😉), l’altra italiana, da Casacanditella in provincia di Chieti. Ha quasi 80 anni ed è in Albania da 26!!!😲

I voli aerei e i traghetti per l’Italia ci sono, ma essendo l’Albania fuori dalla UE e fuori anche dall’area Shengen, sono ancora vigenti le restrizioni in entrata come l’isolamento fiduciario obbligatorio per 14 giorni… 🤷🏻‍♂

Speriamo a presto!!!
Un abbraccio a tutti… 🙏

01 Giugno 2020: La fase due in Albania

Carissimi,
qui a Mabë, nonostante solo da oggi 1 giugno siano state tolte le misure restrittive e si può circolare liberamente, in realtà è da quasi un mese che non c’è più distanziamento sociale e nessuno porta più mascherine o guanti… Speriamo bene!

Sabato scorso abbiamo celebrato in Cattedrale a Vau Dejes la Messa Crismale, con la benedizione degli olii, alla presenza di tutti i sacerdoti, religiosi e religiose.
Dopo la Messa, come di tradizione, siamo stati a pranzo insieme. A Tiziana è stato chiesto il dolce. Eravamo in tutto una sessantina!

A pranzo ho avuto conferma che in Albania vige la teoria complottista rispetto al virus…

Nel pomeriggio sono andato a sostituire d. Enzo nel villaggio di Baqel per la Messa. È simpatico che non ci si scambia il segno della pace, ma ci si prende per mano per dire il Padre Nostro!!!

In queste settimane abbiamo fatto qualche incontro di preparazione al matrimonio ad una coppia del villaggio, già sposati in comune e con due figli. Li abbiamo incontrati anche sabato 30 pomeriggio per le ultime carte. Non avevano ancora scelto i testimoni quindi non hanno saputo darci una data probabile per la celebrazione. Domenica mattina verso le 7:30 chiamano Goffredo per dirci che volevano sposarsi alle 10:00!

Domenica 31 allora, al mattino, abbiamo celebrato nei nostri due villaggi le Messe di Pentecoste alle 9:00 e alle 11:00 e il matrimonio alle 10:00 poi, nel pomeriggio, abbiamo festeggiato i 25 anni di matrimonio di Goffredo e Tiziana, prima con i giovani (con un momento di preghiera e un aperitivo), poi con il gruppo famiglie (con un momento di preghiera e la cena!).

 

Questa mattina è capitato di dover fare servizio ambulanza per accompagnare un signore al Pronto Soccorso, molti nel villaggio non hanno la macchina e non ancora è stato ripristinato il servizio dei pulmini sull’autostrada.
Al ritorno ho riaccompagnato a casa una signora del villaggio che si è operata di appendicite!

Dovremo incontrarci con il vescovo Simon la settimana prossima per definire gli impegni estivi diocesani: la missione in montagna, i campi estivi…

Vi abbraccio.

Buona fase 2!