missionealbania

TREDITESHI I PASHKEVE NE FAMILJE

 

22 Marzo 2020: Nuove misure anche in Albania

Carissimi,
come promesso vi scrivo un po’ più spesso in questi giorni così duri, per aggiornarvi e rimanere in comunione.

I contagi accertati in Albania, in queste due settimane, sono arrivati a 76, ma significa che non ancora c’è stata l’esplosione. Tutti speriamo che le misure restrittive prese tempestivamente dal governo siano riuscite a limitare l’espansione del virus.

D’altronde  toni del premier Rama sono durissimi:
“Da domani il regime delle uscite cambia perché non troviamo altri metodi per educare i disobbedienti ai quali molto presto saremo obbligati a farglielo pagare con la stessa moneta. Da sabato alle 13.00 e per tutta la giornata della domenica fino a lunedì alle ore 5.00 tutto sarà chiuso, in tutti i centri urbani della Repubblica d’Albania. In strada ci saranno solamente le forze di polizia e dell’esercito, servizi essenziali statali e i media.
Questa è una guerra e il nemico non se ne va, ma si avvicina ogni minuto. Perciò preparatevi insieme a me a stringere la cinghia se non vogliamo essere decimati come le mosche sotto il veleno.”

In realtà però la vita nel nostro villaggio non è ancora cambiata tantissimo, d’altronde non è che fosse movimentata neanche prima. 🤣

In parrocchia ovviamente abbiamo fermato tutte le celebrazioni e le attività, come hanno stabilito i vesvovi. Proviamo ad inventarci qualcosa per farci sentire comunque vicini.

Venerdì mattina presto, per esempio, Goffredo ha collocato 14 croci della Via Crucis nei diversi quartieri dei due villaggi. Su ogni croce abbiamo messo un biglietto con la scritta “la croce di Gesù ci protegga”.

 

 

Tiziana sta continuando ad aiutare le suore della Casa della Carità anche in questo periodo, ma cucinando da casa! Il parroco della vicina cattedrale don Mark viene due volte a settimana a prendere i pasti pronti.

22 mar 02Seguiamo con apprensione e preoccupazione i Tg italiani, anche se abbiamo scelto di ascoltarli solo a pranzo!

Wapp ci permette di chiamare e di farci sentire facilmente.

Ogni giorno nella Messa, nell’adorazione, nel rosario, siete con noi.
Buona domenica 🙏

 

18 marzo 2020: Aggiornamenti dalla missione

Carissimi,
vi aggiorno un po’.

Come vi avevo già accennato, qui in Albania il governo ha preso da subito misure restrittive durissime, consapevole della fragilità del sistema sanitario:
– scuole chiuse in tutto il paese dopo i primi due casi accertati, così anche le manifestazioni;
– da venerdì 13 divieto assoluto di circolazione con mezzi privati, pena 3 anni di ritiro della patente;
– da ieri, 17 marzo, multe anche ai pedoni. 😉

IMG-20200318-WA0010Chiaramente anche i vescovi sono intervenuti, con un apposito decreto hanno chiesto di lasciare le chiese aperte ma di sospendere ogni celebrazione pubblica, celebrando solo in casa e da soli.

I contagiati sono 55 per ora, quasi tutti a Tirana. Notizia di questa mattina la morte del secondo malato ricoverato in terapia intensiva!😔

Chiaramente la nostra vita a Mabë si è ridimensionata ancora di più. 👍
Proviamo a farci sentire vicini con il telefono e la pagina facebook della parrocchia! Dovremo capire come andare a fare la spesa…🙄
Intanto abbiamo strutturato la preghiera giornaliera in questo modo:
7:30 – Lodi e Messa
12:00 – Angelus (lo suoniamo con le campane)📣
17:00 – Adorazione e Vespro
21:00 – Rosario (su Radio Maria).

IMG-20200318-WA0011

Madonna del Buon Consiglio di Scutari

Il nostro vescovo Simon, infatti, ha chiesto a tutti di recitare 10 Ave Maria a mezzogiorno e ai sacerdoti di fare un’ora di adorazione dalle 17:00 alle 18:00!
I vescovi dell’Albania invece, hanno chiesto di unirsi a loro che, ogni sera alle 21:00 su Radio Maria, si alterneranno nella recita del Rosario per il paese!🙏

Ovviamente nella Messa quotidiana siete tutti con noi! Un abbraccio forte da Mabe…💪

13 marzo 2020: Misure drastiche anche in Albania

Carissimi,
tanti mi chiedono come stiamo, allora scrivo più spesso, anche per aggiornarvi.

In Albania siamo proprio all’inizio del contagio, per adesso 33 i contagiati accertati, di cui 12 collegabili ai primi 2.

13 mar 01

Autostrada

Il governo però ha preso subito misure restrittive, anche alla luce di quanto avvenuto in Europa, ma anche a causa delle carenze del sistema sanitario!
Da oggi alle 6:00 e fino a domenica alle 24:00 è stata vietata la circolazione dei mezzi privati, possono circolare solo ambulanze e trasporto merci.
Persino al telefono, ad ogni chiamata, prima di metterti in collegamento, parte la registrazione di un comunicato del Primo Ministro con le indicazioni da tenere! 😮

I vescovi albanesi hanno scritto un decreto ieri in cui chiedono, da questa mattina, di sospendere ogni celebrazione con il popolo fino al 3 aprile, per ora!

13 mar 03

Saluto albanese

Anche le persone cominciano a rendersi conto della gravità del momento. Ieri il barbiere del villaggio portava “addirittura” la mascherina! 💪
Oggi, invece, il bar é chiuso e ci si saluta a distanza!
In Albania c’è un modo bello di salutarsi a distanza che in questi tempi aiuta molto, portare la mano destra al petto all’altezza del cuore! 😍

Ieri pomeriggio abbiamo incontrato (all’aperto e a distanza di sicurezza) il Consiglio Pastorale Parrocchiale per pensare come rimanere vicini in questo periodo, nonostante l’impossibilità di ritrovarsi fisicamente a celebrare! 🤔
Abbiamo pensato di scrivere una lettera con le indicazioni e di proporre due momenti di preghiera:
– venerdì alle 15 la via Crucis, ciascuno da casa propria ovviamente, il suono delle campane lo ricorderà.
– domenica alle 9:00 la Messa. Io celebrerò in casa, chi vorrà potrà unirsi da casa grazie ad un foglietto con le letture! Le campane lo ricorderanno.

13 mar 02

Il bar del villaggio, chiuso

Vi immagino o al lavoro, perché impegnati in attività necessarie per la collettività, ma vi immagino anche a casa a tentare di inventare forme di “resistenza” resiliente, perché il tempo dilatato di questi giorni, sia una ricchezza e non un peso!!!

Un abbraccio grandissimo da Mabë 🙏

 

11 marzo 2020: Vi siamo vicini!

Carissimi,
possiamo solo immaginare per ora, quello che state vivendo in Italia… 😔

Vi siamo vicini! 💪🏼

Tra le tante notizie che girano sui social e sui media mi colpiscono quelle che evidenziano da un lato la nostra capacità di sorridere anche nelle difficoltà☺ (le trovate in fondo alcune), dall’altro l’impegno di tantissimi (medici, infermieri, volontari, semplici cittadini) che, nonostante i rischi, con creatività e generosità, si sono messi in gioco 💪.

Ve ne segnalo qualcuna, ma anche voi ne avrete lette sicuramente tante… Piccole gocce che diventano mare e reggono il paese! 😉

Qui in Albania i casi accertati sono diventati 15. C’è stata oggi la prima vittima a Durazzo. Il governo ha deciso di affiancare da subito l’esercito alla polizia e di aumentare lo stipendio (era bassissimo) ai medici, agli infermieri e agli autisti.
I voli e i traghetti da e per l’Italia sono stati tutti sospesi.😔

I vescovi albanesi, dopo la chiusura delle scuole, hanno chiesto di sospendere nelle parrocchie il catechismo e le altre attività, restano confermate, almeno per ora, la Messa e la Via Crucis🙏🏼.

Restiamo in comunione!
Vi aggiorniamo…

Un abbraccio grandissimo 🇦🇱

P.s.: per sorridere un po’….

10 marzo 2020: Primi casi anche in Albania

Buongiorno!!! ☀☀☀

Da ieri i primi casi anche in Albania, 10 persone trovate positive a Tirana e a Durazzo…
Il governo, alla luce di quello che sta accadendo in Europa, è intervenuto subito.
Da oggi:
– chiusura delle scuole in tutto il paese,
– cancellate manifestazioni pubbliche,
– partite a porte chiuse,
– annullati i voli da e per il Nord Italia…

Siamo proprio all’inizio, nei nostri villaggi non c’è ancora la percezione, i ragazzi ci scherzano e i vescovi non ancora si pronunciano.
È stato consigliato di non far dare il segno della pace a Messa, di dare la Comunione sulla mano (qui la ricevono tutti in bocca), però dopo il decreto del governo e la chiusura delle scuole, chissà, vediamo…🤷

Mariapalma è tornata in Italia domenica e penso ci rimarrà per un po’! 😉

Quaresima tosta, non c’è che dire. 🙄

Avevamo pensato altri digiuni,
avevamo organizzato altri orari di preghiera, avevamo individuato possibili forme di carità.

Oggi ci viene chiesto invece un digiuno che ci fa male, a cominciare da quello eucaristico,
ma che non ci impedisce di pregare e di amare, dovremo essere più creativi,
dovremo inventare modi diversi di nutrirci e di esserci vicini (rispettando le normative😉).

L’amore è di per se creativo! 🥰

Su wapp ci sono, per qualunque cosa, potete chiamarmi.

Coraggio. 💪
Un abbraccio grandissimo a tutti.
In comunione… 🙏🏼

PS. Le foto sono dei primi avvisi in albanese che cominciano a girare.

29 febbraio: Inizio Quaresima

Carissimi,
vi scrivo dopo due settimane!🤷

29 feb 04La prima settimana, trascorsa in Italia, è stata molto ricca non tanto di riunioni questa volta, ma soprattutto di incontri e colloqui personali.
È proprio bello vedere come lo Spirito agisce nella vita di ciascuno.🙏
In particolare ho ricevuto testimonianze di fede incredibili da alcuni amici/amiche malati, che si dicevano fortunati perché ogni giorno il Signore gli sta regalando qualcosa di bello o perché nella malattia non si sentono mai soli… Sono rimasto più volte senza parole, vinto dallo stupore!😍

29 feb 03Ho comunque incontrato diverse comunità parrocchiali soprattutto per le celebrazioni eucaristiche del fine settimana: Spirito Santo, San Nunzio, Maria Madre della Chiesa, Gesù Bambino…🎊

Mi colpisce sempre vedere la grande disponibilità di laici che, a diverso titolo e nei modi più diversi, si mettono a servizio delle parrocchie e ne permettono la vivacità. 😮
La presenza del sacerdote è importantissima, sicuramente, (qui in Albania sento ripetere spesso che senza sacerdote non c’è la Messa), ma il sacerdote da solo?

Io ho celebrato qualche volta da solo nei primi anni da parroco a Collecorvino. In realtà sapevo di non essere solo, anche se in chiesa con me non c’era nessuno, mi sentivo in comunione con la chiesa sparsa nel mondo. Ma senza la comunità manca comunque una parte. Siamo un corpo dice Paolo. Se solo i laici sapessero quanto è importante la loro presenza e il loro servizio! Se solo i sacerdoti si pensassero di più a servizio del cammino delle comunità loro affidate! 🤔

29 feb 01

La settimana scorsa a Mabë, invece, è stata caratterizzata dall’inizio della Quaresima. Il Mercoledì delle Ceneri nei nostri villaggi le chiese sono quasi piene!!! Tanti vengono a ricevere le ceneri.
Dopo averla ricevuta in testa, aprono un fazzoletto per riportarne un po’ anche a casa…😃

Il venerdì alla Via Crucis ho visto una scena che non vedevo da anni. Avevo notato da un po’ la presenza assidua a Messa di un ragazzo e di una ragazza quindicenni, e la cosa mi aveva un po’ insospettito.🤣
Venerdì pomeriggio all’inizio della Via Crucis c’era solo lei, ma io non ci avevo fatto caso. Quando dopo alcune stazioni ho visto entrare in chiesa anche lui, mi è “scappato” di cercare subito il viso di lei… Se aveste visto che sorriso!!!
Non solo le labbra, ma anche gli occhi, il naso, le orecchie… e poi, tutto un gioco di sguardi bellissimi, che io ho cercato di non guardare!!!🥰

Praticamente, nei  nostri villaggi, ancora oggi, la chiesa e la scuola sono gli unici luoghi in cui ragazzi e ragazze si possono incontrare… 🤷🏻‍

Alcuni mi chiedevano aggiornamenti sul ragazzo in cerca di sposa… La prossima volta, ci sono novità! 🤣🤣🤣

 

Buona settimana a tutti!
Mabë, 29 febbraio